Full text: Italienische Malerei des XIX. Jahrhunderts

BAZZARO LEONARDO, Milano 18° —. 
Compagno del Gignous allo studio del paesista Fasanotti, poi a Brera col Bertini. 
Al periodo giovanile lombardo, segue il periodo veneziano; l’ispirazione del- 
l’en-plein-air si sostituisce allo studio degli interni. Evoluzione che lo imparenta 
strettamente a Mosè Bianchi. 
Impressionista facile, vivacissimo, dalla tavolozza felice ora nella esuberanza 
quantitativa, ora nella finezza qualitativa del colore. 
:;. RIO A VENEZIA. Olio su tela, cm. 48,8 X ;,;. 
Per adozione B. si inserisce nella tradizione della pittura veneziana; ciò per 
amore delle cose, per la qualità del suo sentimento pittorico. Dall’uno nasce la 
sua «veduta veneziana», moderna e tuttavia entro la tradizione Canaletto-Guardi; 
dall’altra nasce la qualità della sua pittura di tòcco. Qui tutto, musica e archi- 
tettura, l’acqua e i marmi sono colorismo, perpetuum mobile inseguito dal pen- 
nello. Raramente pittore ha reso così adeguatamente il silenzio, l’umido respiro 
di un rio°l’atmosfera sua aquatica e verde come di trasparente lichene, il tremulo 
di queste acquamarine, l’ombra di queste due quinte in fuga sull’improvviso 
bagliore dell’architettura aurea del fondo che si specchia sul Canal Grande. Tav. I. 
BELTRAME ACHILLE, Arzignano (Vicenza) 1871, vivente. 
Studiò all’Accademia di Brera col Bertini. Esordì giovanissimo nell’ambiente 
milanese e partecipò alle esposizioni più importanti. Buon paesaggista e ritrattista 
ed eccellente disegnatore. Ma, dal 1898, con le tavole a colori della «Domenica 
del Corriere», si può dire abbia inventato un «genere» della cronaca illustrata, 
pittura giornalistica che gli ha dato una riputazione internazionale. Ha sorpren- 
dente facoltà immaginativa e padronanza assoluta della tecnica dell’acquerello. 
2. RITRATTO MULIEBRE. Pastello cm. so X 65. 
BIANCHI MOSE, lombardo; n. Monza 1840, m. 1904. 
All’Accademia di Brera nel ’°56. Volontario garibaldino nella campagna del ’s9. 
Tornò agli studii col Bertini ed esordì dipingendo quadri storici. Formatosi nel- 
Pambiente della Bohème milanese, abbandona la tradizione accademica e dè 
libera espressione alla sua personalità con lo studio del paesaggio, del ritratto 
e del costume. Con viaggi di studio in Europa e in Italia, acquista simpatia per 
Meissonier, fortunati influssi veneti attraverso Tiepolo e Guardi, e una cordiale 
affinità col Faruffini. Vario, facile, arguto, di generoso pennello, è uno dei 
maestri lombardo-veneti più personale e insieme più rappresentativo. Mostra 
retrospettiva-commemorativa a Monza nel 1924. 
Bibliografia: The Studio, 1913; G. Marangoni, M. B., Bergamo 1924. 
3. LAGUNA IN BURRASCA. Olio su tavola, cm. 75 X 48,5; firmato 1884 
Fedele e lirica pagina di poesia lagunare. Superbo accordo di luminosi grigi in un 
tempestoso andante. L’impressionismo del maestro raggiunge per vibratilità, 
sapienza ed efficacia, uno dei suoi acuti. Visione pittorica affine a quella della 
«Traversata della laguna» della Gall. di Milano, ma direi più pura ed alta, perchè 
priva di elemento aneddotico prevalente invece nel quadro milanese. Tav. III bis. 
26
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.