67 
sellino ed asfissiante, fu allora ch’egli si manifestò 
individualmente. 
Una folata di vento sano irruppe nel suo atelier: 
non più idealità, nè realtà, ma soltanto il vero. 
Le linee si spezzano, gli angoli si moltiplicano, 
i particolari sono soppressi. 
Vigore individuale! I). d. T. 
*** Il Resto del Carlino di Bologna à pubblicati in 
questo tempo alcuni articoli d’arte : stralciamo da 
quelli i periodi più importanti : 
ARTURO LABRIOLA — La cultura proletaria : 
Informa che la « Proletarskaja Ivultura », or 
gano ufficiale della cultura, dice fra l’altro : « Per 
il proletariato l’arte è uno dei mezzi migliori per la 
organizzazione della vita e per la educazione del 
nuovo uomo » ; informa pure che « tutta l’anima ed 
il motivo della nuova poesia bolscevista è e resta la 
macchina. I poeti futuristi russi, col Masciakowskj 
alla testa, hanno perciò aderito al bolscevismo. Il 
poeta bolscevista Ivan Loginoff maledice alla cam 
pagna e alla natura e saluta la città « fatta dagli 
uomini )) dove soltanto c’è la lotta e il movimento 
e dove ognuno «va sempre più spedito». Un altro 
poeta rivoluzionario, il Gherasinoff, abbandona la 
campagna per recarsi « nei giardini di ferro e di 
granito, nei viali delle case di sasso». 
Tutta la nuova arte bolscevista, col Gasteff, il 
Kirilloff, Eroscin, e come si chiamano i nuovi cor 
tigiani del proletariato trionfante, non fanno che can 
tare la Città e la Fabbrica, la Macchina e il Motore ». 
Essa è poi un’arte di Stato. Si paga con i fondi 
del Ministero della Cultura, al quale del resto sovrin 
tende con fine senso di amore un amico del nostro 
paese e della nostra cultura, il Lunaciarski. 
Labriola conclude poi, così : Centosessanta de 
putati socialisti sono entrati nella Camera italiana, 
ma non un proletario italiano è ancora in grado di 
comporre, nonché un’opera d’arte, una modesta di 
sanima delle condizioni intellettuali in cui vive oggi 
il proletariato...» 
GINO DAMERINI — Anticipi sulla XII Biennale 
di Venezia: 
Ne critica la composizione della Presidenza, il 
regolamento e la giurìa d’accettazione : ne analizza 
insomma l’organismo che darà vita alla XII : spera 
che Vittorio Pica sappia darle la fisionomia del tempo 
nostro, perchè, « altrimenti, per vivere con i mo 
derni andremo a studiare i primitivi nelle Accademie 
e nelle Gallerie ». 
un umorista, avendo egli esposti 4 disegni... indu 
striali : Distruzione del futuro — Corda poligama vi 
brante — Ragazzo carburatore — Creazione dell’a 
more liquido... 
*** Da Zurigo, i pittori astrattisti radicali hanno 
lanciato un manifesto che — partendo dall’aspira 
zione per un base abbracciante tutto l’orizzonte spi 
rituale — tende a riunire e dirigere poi le tendenze 
disperse, per riuscire a dar così espressione alle di 
verse correnti artistiche avanzatissime. 
/ 
*** Nel N. 9 di «391», rivista dadaista d’arte, 
Francis Picabia, dopo aver affermato che la morale est 
l’épine dorsale des imbéciles, con Tombeaux et bor 
dels si scaglila contro i giornalisti «néfastes hiboux». 
*** Nel Giornale d'Italia di Roma, Carlo Tridenti 
ha ricordato come il pittore Pierre Auguste Renoir 
— morto ai primi dello scorso dicembre — insistesse 
presso i giovani « perchè imparassero a mettere il 
verde dove vi è del verde, il blu dove v’è del blu, 
c ammetteva così i colori locali negati dai suoi com 
pagni di lotta; affermava che la chimica e la pit 
tura son cose affatto differenti; e che il nero, il bel 
nero d’avorio, spavento degli impressionisti, è un co 
lore necessario ed «épatant», che dipingere col nero 
e col bianco come Manet nei primi tempi o chiaro 
su chiaro come Monet, non riguarda che la tecnica. 
Renoir, voleva non riprodurre ma rappresentare alla 
maniera degli antichi; e sosteneva che con la na 
tura non si fa nulla, e non respingeva esplicitamente 
lo spirito d’imitazione, che pure ha animato sempre 
i maestri del passato, soltanto perchè sapeva a che 
# 
cosa precisamente esso si riducesse : a trarre cioè 
inspirazione dalle cose amate per ricrearle poi se 
condo i dettami dell’anima. 
*** Lorsqu’ ime oeuvre semble en avance sur son 
époque, c’est simplement que son époque est en re 
tard sur elle. 
JEAN COCTEAU. 
Nella Illustrazione di Roma : 
*** ENRICO ROCCA: Su carta rosa. — Simpa 
tici.e note dedicate a F. Balilla Pratella:... «E m’ha 
aiutato a trovare la mia strada italiana, un grande 
italiano: F. Balilla Pratella... E m’ha mostrato come 
sorriso e lacrime sieno forme diverse della stessa fe 
licità ». 
A Enrico Rocca pertanto, da parte nostra, «quel 
meraviglioso dono non richiesto: l’amicizia». 
*** L’Epoca di Roma a proposito di una com 
media italiana di recente rappresentata e caduta, 
ricorda che : « Il teatro non è fatto di rebus e di 
sciarade » e raccomanda che « le commedie hanno da 
essere essenzialmente azione, e non intrichi di gero 
glifici egiziani su cui ci si deve guastare da digestione 
nel decifrarli ». 
*** Sembra che al « Salon d’automne » di Parigi, 
molti abbiano considerato il dadaista Francis Picabia, 
★ ★ ★ 
GASTONE DERYS : Cronache parigine. 
Accenna agli espositori (nel Salon d’automne) ed ai 
cultori dell’evoluzione dell’arredamento d’arte... A 
quando una mostra del genere in Italia?. 
★ ★ ★ 
MARIO RECCHI : Cronache d’arte. 
Rapi 
da pagina critica sul pittore danese A. Hallegren « che 
vive da qualche tempo in Italia, e l’opera del quale 
è nota a non molti e solo nell’ambiente d’avanguardia».
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.