H 
à 
y «i P 
H. RICHTER; BOIS 
a Théclis Griffini 
animaletto ghiribizzoso. 
Altipiano. Collinette soavi corne seni di tanciulla. Su una, 
irrgffliiV sib&xiïi ■ su~q'jaéiœ~- 
cinque file. Cascinali sfondati allegri. 
Ail’alba si cammina sulla carta vetrata. Aghi minuzzoli di vetro 
pertutta. Ogni pozzanghera una lasira. Povere di vetro imbianca 
e irrigidisce l’erba. Tutto cigola e brilla. 
Alla carezza del sole la conca si distende in una beatitudine 
calma. Si scambia la luna con una nuvoletta trasparente. 
11 tramonto ne fa un quadro futurista. Penellate giustapposte 
senza passaggi. Striscioni di arancione di viola cupo, d’ardesia, 
che sono i monti lontani ; interrotti da chiazze abbaglianti: le 
cime nevate. 
Più tardi i colori si fondano. Il cielo si sbava di viola con 
presentimenti d’oro. Armonie nascono che I’occhio coglie con la 
premura delle gioie uniche e intrattenibili. Delicatezze, iridescenze 
da bolla di sapone. A mornenti si vive in un vetro soffiato. 
Infine la nebbiolina annega l’altipiano nel vago. Isolotti vi nau- 
fragano i cascinali. La luna è un imbuto celestino e la tinta 
contagiosa créa al paesaggio un’atinosfera irreale. 
Sughero galleggio in questa incerio. 
(La guerra clov’è ?) 
Camillo Sbarbaro
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.