Full text: Ausführliches Verzeichnis, Text ohne Abbildungen ([1])

rivalutata in tutta la sua importanza di precorrimento del lumınismo € natura- 
lismo caravaggesco. E al Cinquecento lombardo si affianca, armonico, 1 Cinque- 
cento Veneto con Tiziano, con Tintoretto, e soprattutto con Lorenzo Lotto, uno det 
trionfatori della nostra Esposizione. 
La visione del Rinascimento italiano si completa con gruppi meno ricchi per 
numero ma non meno intensi ver qualitä delle opere : non sfuggira al visitatore 
la raffinata rappresentanza ferrarese e il coro dei capolavori toscani : il solenne 
«S. Nicolö da Tolentino» die Piero della Francesca, l’Angelico e ı Lippi, i deliziosi 
Pesellino, £ drammatici Botticelli, il < Profilo d’Ignota» del Pollaiolo famosis- 
sima insegna del Poldi-Pezzoli. 
La tirannia dello spazıio nelle sale della Kunsthaus non ha consentito di organız- 
zare un’ampia documentazione dei valori del Seicento lombardo ; ma opere fonda- 
mentali illustrano la varietä d’aspetti della nostra Scuola : basta citare il colo- 
rismo opulento del Procaccini che trasporta in un clima barocco ı risultati mantie- 
ristici, e le ardıte ricerche chiaroscurali del Morazzone, autentico maestro del 
Magnasco. 
Eivalutato € il Settecento lombardo nelle tele del Ceruti e del Galgario che sono 
una vera *scoperta> nella Mostra. Un panorama familiare presenta invece mi 
visilatori la scelta serie di Settecentisti veneziani che € qui offerta anche come 
prova dell’ampio raggio del collezionismo lombardo. 
E sarebbe questo il momento di illustrare la provenienza dei « Tesori d’arte di 
Lombardia >, di commemorare glı Istituti da cur provengono : u < Capitolium > 
di Brescia che gli scavi recent della Sovrintendenza alle Antichita rimettono 
in onore, la Basılica madre dell’architettura romanica, Sant’ Ambrogio, le gotiche 
cattedrali di Monza e di Milano, e quella, mista di forme rinascimentali e barocche, 
di Vigevano, presenti tulte con le oreficerie kturgiche donate da Imperatori, da 
Arcivescovi, dar Visconti, dagli Sforza ; e via via i Musei Civicı gloriosi ner vetusta 
tradizione come il Civico Museo del Castello Sforzesco di Milano, il Museo 
Malaspina di Pavia, la Pinacoteca Tosio-Martinengo e il Museo Cristiano di 
Brescia ospite dalla vetusta Chiesa di S. Giulia. Ma questa rievocazione equi- 
varrebbe al ritessere un’altra volta la storia regionale che 1 Dr. Wartmann ha 
rıevocato nella sua vibrante prefazione. 
19
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.