Full text: Ausführliches Verzeichnis, Text ohne Abbildungen ([1])

Diciamo soltanto che 4 visitatore, dopo aver ammirato i naradıgymı di arte 
monumentale inviatı dalle chiese, coglierä nelle salette in cui € esposto il fiore 
dei piccoli dipinti dell’Accademia Carrara e del Museo Poldi-Pezzoli, u fascino 
particolare dei Musei privati di Lombardia. Su questi due Musei richiamiamo 
particolarmente L’attenzione, come prototipi delle raccolte di collezionisti-mece- 
natı destinate ad uso pubblico che, moltiplicandosi in America nell’ultimo tren- 
tennio del secolo scorso, sono forse la pin tipica prova della maturazione di una 
civilla. 
La quadreria Carrara fondata dall’erudito Giacomo Carrara nel 1795 resta in- 
fatti, nella storia, come monumento della cultura dell’Illuminismo, e il Poldi-Pez- 
zoli dimostra come tanta tradizione abbia fruttificato anche un secolo piü tardı 
nobilitando il costume borghese di Lombardia, che era deliziosamente esemplificato 
nel caratteristico museo milanese. A gloria e beneficio di questi due Istituti si € 
soprattutto ideata L’Esposizione dei « Tesori d’arte di Lombardia > : per attuare 
una riforma museale della galleria bergamasca che ne metta in valore il natri- 
mono di capolavori, per ricostruire U museo milanese che la guerra ha crudel- 
mente devastato. Con l’opera appassionata dell’arch. Reggiori € con le sovven- 
zioni del Ministero della Pubblica Istruzione e del Provveditore ai Lavori 
Pubblici Ing. Filippo Madonini — ricostruttore della Milano moderna ma anche 
illuminato restauratore dell’antica — sono giä rimesse in pristino le strultture 
murarie del Poldi-Pezzoli, giä esso €, architettonicamente, rinato ; ma occorre 
ricostruirne la veste decorativa senza ripetere — naturalmente — il caratteristico 
sfarzo originario, ee tuttavia suggerendo ancora «l’atmosfera» del Museo 
privato, affinche non si perda una delle pin squisite affermazioni della nostra 
cultura ottocentesca. 
Dicevo che quello dei « Tesori d’arte di Lombardia» a Zurigo € un viaggio mis- 
sionario. Per trent’anni, e cioe dail’epoca della sua fondazione, la Sovrinten- 
denza alle Gallerie ha custodito ed ha restaurato, con il concorso anche di generosti 
mecenalti, un patrimonio d’arte che ha il solo torto di essere rimasto gelosamente 
immobile nelle sue Chiese e nei suoi Musei, tanto che la stessa Regione non ne ha 
avuto — sino ad ora — viena coscienza. Nell’infuriare di due guerre la Sovrin- 
tendenza lo ha difeso e lo ha riconsegnato intatto agli Istituti originari. Ma, 
90
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.