6 
più alte della virtuosità. Insuperabile nel rendere gli 
effetti delle cose alla loro giusta distanza, egli percepisce i 
fenomeni nell’eccitamento di una perenne sensualità visiva. 
L’universo gli appare sotto l’aspetto di un immenso prato 
fiorito. Tutto il suo mondo interiore é costituito da un 
inesauribile tesoro coloristico. E la sua potenza é somma 
nel rendere come luce e come colore tutti gli aspetti della 
vita. 
Se diverso, anzi opposto a quello del Mancini é il con 
tenuto dell’arte di Gaetano Previati, altrettanto differenti 
sono i mezzi di espressione di cui il pittore si vale. 
Già nel Cesare Borgia a Capua — opera giovanile di 
1 8 metri quadrati, compiuta in poco più di tre mesi, senza 
cartone, ed esposta a Torino nel 1 880 — se per il desiderio 
di soddisfare talune convenzioni e per la preoccupazione del 
comporre a programma l’artista ferrarese rientrava nella 
numerosa schiera dei pittori di quadri storici, fioriti dal 
Delacroix in poi, egli pur tuttavia rivelava la passione nuova 
dello studio della luce in quel vivido raggio che ricerca e fa 
palpitare come un fiore il corpo della donna denudata dagli 
sgherri. Ma anche in questa ricerca il Previati non si 
appaga, come aveva fatto Domenico Morelli, del contrasto 
di luce e d’ombra. 
La scienza del tono, atta a materializzare il più possi 
bile, sulla tela o sulla carta, le relazioni fra gli oggetti che 
furono origine od occasione della sensazione, é abbandonata 
nel desiderio della sintesi rapida e sostituita da un uso 
raffinato del chiaroscuro. La luce tende a diventare un 
mezzo particolare di espressione. 
Dal Cesare Borgia a Capua l’evoluzione di Gaetano 
Previati, direi meglio la sua purificazione, passò attraverso 
numerose opere di carattere storico, religioso e di genere per 
giungere a quella Maternità che, affermando in modo com 
piuto la tendenza idealistica già chiaramente adombrata
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.